NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa e gestione dei cookies

Questo sito web non utilizza alcun cookie di profilazione, ma soltanto cookies tecnici e cookies analitici.

I cookies e loro suddivisione

I cookies sono piccoli files di testo che i siti web visitati dall’utente inviano al suo terminale – computer, laptop, tablet, smartphone, etc. – dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente.

Cookies tecnici

Questi cookies sono volti a mantenere adeguato il funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per altri scopi.
I cookies tecnici utilizzati da questo sito sono i seguenti:

  • cookies analitici: sono cookies che raccolgono informazioni sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito, ad esempio informazioni su quali pagine o sezioni di pagine vengono maggiormente visualizzate e da quali pagine si ricevono segnalazioni di malfunzionamenti. Le informazioni vengono raccolte in forma anonima.

Tutti questi cookies vengono abilitati in automatico.

Google Analytics

Questo sito utilizza lo strumento di analisi delle statistiche Google Analytics fornito da Google Inc. (“Google”). Tale servizio utilizza i "cookies" per raccogliere ed analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per i nostri operatori riguardanti le attività sul sito web stesso. Questo sito web non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione.
Per consultare l’informativa privacy della società Google, relativa al servizio Google Analytics, La preghiamo di visitare http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookies che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

Gestione dei cookie

Chi naviga il sito può decidere di disabilitare i cookies impostando il proprio browser di navigazione.
Per sapere come disabilitare i cookie nel proprio browser, rimandiamo alle guide ufficiali di ciascun browser reperibili sul web.

Festival di Musica Sacra delle Langhe e del Roero 2012

 
 Patrocinato da

 

Dopo il grande successo del Festival di Musica Sacra 2011 curato dall'associazione Organicantum, eccoci quest'anno ad una edizione della manifestazione ricca e rinnovata in percorsi e proposte.

Una delle novità di quest'anno è la creazione di una rete tra le comunità cattoliche della Diocesi di Alba (Cn) che ospitano organi pregevoli o resi tali grazie all'opera del Maestro Organaro Piero Sandri: Gallo Grinzane, Vaccheria di Guarene, Priocca.

Tali strumenti ospiteranno Maestri Organisti del calibro di Marco Ruggeri e Paolo M. Guardiani, insieme all'Arte di molti altri preziosi musicisti.

Abbiamo in questo modo riunito sotto l'egida della Musica Sacra i territori della Langa e del Roero, con i loro patrimoni artistici, culturali e umani.

Con il patrocinio dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Alba, e dell'Ente Morale Famija Albeisa  nelle sei date dell'edizione 2012 attraverseremo idealmente tutta la storia della Musica Sacra, dal canto gregoriano e l'esperienza prepolifonica fino a repertori corali e strumentali del XX secolo, alcuni ancora inediti.

Tutti i concerti saranno ad ingresso gratuito con inizio alle ore 21,00.

Scarica la locandina in Pdf.

 

 

Festival di Musica Sacra delle Langhe e del Roero 2012

 

Gli appuntamenti 

Venerdì 19 ottobre 2012  Gallo Grinzane (Cn)

 

Coro Haec Dies , Dir. M° Ezio Aimasso

Canto gregoriano e prepolifonia

Parte organistica: M° Daniele Rinero

   Organo P.Sandri di Gallo Grinzane (Cn) 

Venerdì 26 ottobre 2012  Gallo Grinzane (Cn)

 

Concerto d’Organo del M° Marco Ruggeri

 

direttore della Scuola Diocesana di Musica Sacra ‘D. Caifa’ di Cremona.

 

Brani di J.G.Müthel, G.Böhm, J.S. Bach, J. Brahms, G.Muffat, C. Piutti

 

  

 

 

Sabato 10 novembre 2012          Gallo Grinzane

 

Concerto per coro femminile, archi e ogano dell' Ensemble corale – strumentale Convivium di Roccaforte Mondovì, Diretto dal M° Valter Preve

Inedita presentazione dell’opera musicale corale, strumentale, organistica, del compositore monregalese Mons. V. Terreno

 

  

 

 

Venerdì 23 novembre 2012     Vaccheria di Guarene (Cn) 

 

 

Concerto d’organo del M° Alessandro Cavo

 

 

G.B. Martini, J.S.Bach, F. Mendelssohn, C.M.Widor,

L.Vierne, W.R.Driffill

   

 

 

  

 

Venerdì 7 dicembre 2012    Priocca d'Alba (Cn)

 

 

Coro Santo Stefano  di Priocca, dir. M° Luisa Tarabra

 

Organo: M° Paolo Maria Guardiani

 

 In occasione della festa dell’Immacolata, concerto corale organistico

con cornice pittorico – poetica su temi mariani.

  

  

 

 

Sabato 15 dicembre 2012         Gallo Grinzane (Cn)

 

Ensemble vocale Claricantus( Torino ), dir. M° Teresa Sappa

Brani da: Libre Vermell de Montserrat, Montpellier Codex, trad.tedesca (arr. G.Raphael) e trad.svedese (L.Johansson)

Alfonso X El Sabio, G.Dufay, O.Olsson, U.Sisask, B. Vivancos, M.Leontovich, L.Jansson, M.Hogan

 

Inizio concerti 21,00      Ingresso gratuito

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

 

 

I saluti del Presidente e del Direttore Artistico 

 

"Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno,  siamo lieti di presentare questa edizione del Festival di Musica Sacra delle Langhe e del Roero 2012. Una delle novità di quest'anno è la creazione di una rete tra le comunità cattoliche della Diocesi di Alba (Cn) che ospitano organi pregevoli o resi tali grazie all'opera del Maestro Organaro Piero Sandri: Gallo Grinzane, Vaccheria di Guarene, Priocca. Abbiamo in questo modo riunito sotto l'egida della Musica Sacra i territori della Langa e del Roero, con i loro patrimoni artistici, culturali e umani. Nelle sei date dell'edizione 2012 attraverseremo idealmente tutta la storia della Musica Sacra, dal canto gregoriano e l'esperienza prepolifonica fino a repertori corali e strumentali del XX secolo, alcuni ancora inediti.

Anche quest’anno, il  Festival  gode del patrocinio dell’Ufficio Liturgico Diocesano della Diocesi di Alba (Cn). Questo patrocinio ha un suo peso importante perché offre la giusta 'casa' al patrimonio musicale che andremo a rappresentare, nella sua forte e rispettata valenza liturgica.Dalla riflessione sulla situazione della musica sacra in Italia e in Europa è emersa fortemente l'esigenza della presenza degli Uffici Liturgici nei percorsi di offerta musicale nell'ambito del sacro, spazio che appartiene di diritto  e per competenza alla grande Tradizione e studio della Chiesa ( III Seminario Internazionale sulla Musica Liturgica, Cremona, 29 settembre 2012). Ecco dunque che il patrocinio dell'Ufficio Liturgico Diocesano va ad inserirsi pienamente in questa direzione. Non potevamo pensare ad un Festival di Musica Sacra senza il suo appoggio e il suo riconoscimento.

A questo patrocinio, non secondariamente  si aggiunge quello dell’ente morale Famija Albeisa. L’attenzione, la premura, la sensibilità in un campo, quello culturale, che sa incontrare e vivificare le relazioni umane portando frutti nelle comunità dei nostri territori, è qualcosa di preziosissimo che Famija Albeisa ha fatto suo sin dalla fondazione, dandone sempre testimonianza concreta.

La Chiesa da sempre ha riconosciuto l’alto valore culturale e spirituale della musica, tanto da definirla, con Paolo VI, “quasi propedeutica alle ardue conquiste dello spirito”. La musica è stata per molti secoli, e non a caso, scienza dell’anima più che arte dei suoni . Arte dell’ascolto di armonie e ritmi invisibili, ma reali, della parola e del mondo, dell’interiorità e del cosmo: questa era la sapienza generata dalla coltivazione della musica.Questo spirito e questo desiderio di promozione della Musica Sacra, patrimonio ecclesiale di inestimabile valore, accomuna tutti i musicisti che daranno vita al Festival  facendo risuonare un repertorio dal così alto valore culturale e spirituale.Ringraziando sinceramente di cuore tutti coloro che in differenti modi ci hanno sostenuto, vi aspettiamo a questa esperienza di risonanza del divino nell’esperienza estetica del Bello e del Sublime."

 

Edoardo Marengo - Presidente dell’associazione Organicantum

 

 

"L’intento di questa edizione del Festival è quello di andare a rappresentare il grande patrimonio della storia musica sacra.

Il primo concerto vedrà l’esibizione del gruppo Haec Dies (guidato dal M° Ezio Aimasso, direttore del nostro Istituto Diocesano di Musica Sacra), esecutore specialista di canto gregoriano, il “Canto Proprio della Chiesa”. L’intervento all’organo del M° Rinero, rappresenta il giusto complemento alla serata ed il giusto collegamento con la musica sacra dei nostri tempi. Ascolteremo dunque il primitivo canto sacro affiancato alle armonie contemporanee. Ad unire queste due forme d’arte saranno da un lato la preghiera, insita intrinsecamente sia nel canto gregoriano sia nella musica organistica liturgica, e dall’altro i temi ed i modi gregoriani, che costituiscono l’ossatura anche per il repertorio organistico novecentesco: l’arte musicale sacra vocale e strumentale al servizio dell’elevazione degli animi a Dio.

Il secondo concerto sarà tenuto da un attivissimo conoscitore e promotore di musica sacra, il M° Marco Ruggeri, docente e vicedirettore del Conservatorio Statale di Musica “G. Cantelli” di Novara, dove coordina il corso di laurea di secondo livello in Musica Sacra. La connessione con la prima serata è immediata perché ancora una volta si esibirà un insegnante e direttore di una scuola diocesana di musica sacra, in questo caso quella cremonese intitolata a “Dante Caifa”. Il grande organo Sandri di Gallo ci permetterà di assaporare in quest'occasione quanto di meglio ci offre la musica organistica più prettamente legata alla liturgia, come le diverse pagine che traggono spunto dai corali composte da Böhm, Bach, Brahms e Piutti.

Non più soltanto l'organo e le voci: anche gli archi si adopereranno per farci conoscere un po' di storia della musica sacra nostrana. Mons. Valentino Terreno, con i suoi conterranei Giuseppe Sacheri e Giovan Battista Ansaldi, è stato uno dei massimi esponenti della corrente ceciliana monregalese. Autore di musiche e canti che ancora oggi risuonano nelle chiese della diocesi di Mondovì, ci saprà stupire con i suoi sapienti passaggi enarmonici e la grande melodiosità. Encomiabile il lavoro di riscoperta di questi tesori nascosti portato avanti dal M° Valter Preve, che con il suo Convivium Vocale renderà il giusto onore a questi umili autori che mai hanno avuto la possibilità di far arrivare la loro musica fuori dal territorio natio.

L'organo della chiesa di Vaccheria di Guarene con le sue calde sonorità prettamente sinfonico-romantiche, nonostante l'esiguo numero di registri, ci guiderà in un percorso che da Bach si svilupperà fino Vierne, passando per G.B. Martini e F. Mendelssohn. La scelta di tale repertorio operata dal M° Alessandro Cavo, consentirà di sentire rappresentate le diverse scuole organistiche europee passando attraverso barocco, classicismo, romanticismo, tardo-romanticismo e sinfonismo, con opere più propriamente concertistiche intercalate ad altre nate per l'impiego liturgico. Risulterà evidente quanto l’organo, pur essendosi sviluppato al servizio della fede, sia stato nel tempo veicolo di diffusione anche di stili musicali certamente più vicini al genere popolare e profano che non al sacro.

Il concerto di Priocca sarà occasione per approfondire maggiormente il periodo romantico e post-romantico, sia per il repertorio organistico, con Mendelssohn, Franck, Boellman e Bossi, sia per quello vocale, senza tralasciare di accennare ad epoche diverse, quali barocco e contemporaneo. Il filo conduttore della serata, vigilia della festa dell'Immacolata Concezione, sarà la lode a Maria, contemplata nei diversi brani previsti quale Stella del Mare, Vergine Gloriosa, Regina del Cielo, Madre di tutte le Grazie. Questi brani insieme all'esecuzione di diverse Ave Maria saranno occasione per tutti di partecipare alla preghiera corale di un Rosario musicale dalle sfaccettature alquanto diversificate, grazie al contributo maestrale dei compositori e degli interpreti, in questo caso il M° Paolo Maria Guardiani all'organo ed il Coro S. Stefano, padrone di casa, sotto la guida del M° Luisa Tarabra. Con il brano conclusivo, “Dieu parmi nous” (“Dio con noi”), si tende già uno sguardo al S. Natale: d'altronde la festa dell'Immacolata prevede la lettura del vangelo dell'Annunciazione, il “sì” di Maria alla venuta dell'Emmanuele.

Celebrata e festeggiata a dovere la Madre di Dio, non ci resta che metterci in attesa della venuta di Cristo. “A Child is born!” (“Un Bimbo è nato!”) è dunque l'evento conclusivo del Festival che, grazie alla particolare scelta del repertorio, ci ricollegherà alla prima serata dove protagonista è il Gregoriano. L'Ensemble Claricantus, diretto dal M° Teresa Sappa, ci proporrà infatti brani tratti dalla tradizione prepolifonica e dagli albori della polifonia insieme a brani di autori contemporanei, che sapientemente traggono spunti tematici e stilistici proprio dal canto gregoriano e da inni sacri tradizionali. Ancora una volta la figura di Maria sarà protagonista di diverse composizioni, mentre l'intera seconda parte del concerto sarà dedicata al Natale nelle tradizioni d'oltralpe. La forte presenza di autori contemporanei non deve spaventare: anche l'orecchio più inesperto saprà cogliere la grande spiritualità di cui ogni brano di questo concerto si farà portatore.

Organi di ottima fattura e sonorità, interpreti di eccezione di bravura riconosciuta, repertori ricercati e raffinati: questo il Festival di Musica Sacra di Langhe e Roero 2012, che potrà diventare vera occasione di approfondimento non solo musicale ma anche, e soprattutto, spirituale. Buon ascolto."

 

Marco Viberti - Direttore Artistico

 

 

Gli auguri dei patrocini

 

"L’Ufficio liturgico diocesano accoglie con stima questa nuova edizione proposta da Organicantum. Il Festival di Musica sacra delle Langhe e del Roero  unisce i due polmoni che costituiscono il tessuto della diocesi di Alba. Il camminare insieme è attualizzare lo spirito della liturgia che è comunione nella vera lode al Signore. I brani musicali e corali che traggono la loro linfa dall’anno liturgico è segno visibile di una sensibilità pastorale.

L’anno liturgico ci ricorda che siamo pellegrini nel tempo e chiamati a celebrare le feste cristiane come un vero e proprio itinerario educativo alla sequela di Cristo. Impariamo a essere simili a Lui. Ciò che celebriamo e ciò in cui crediamo è il contenuto della nostra fede.

Afferma Pierangelo Sequeri:” la musica è una delle forme della spiritualità dell’uomo, un ‘esaltazione di quella qualità spirituale che è l’espressione dell’interiorità. Se la fede confessata e vissuta si è incarnata nella storia divenendo parte della liturgia e della meditazione personale, la musica entra in filigrana in quell’esperienza di fede dell’uomo radicata nella storia, nei simboli, nei riti.”.

Allora si comprende come la spiritualità che si esprime in musica manifesta una parte fondamentale dell’uomo. La parola, che realizza la specificità dell’uomo, si esprime attraverso la modulazione di suoni cosicché la voce intona ed esprime l’interiorità. Auguro a tutte le corali, organisti, direttori di coltivare il sapore biblico  per celebrare i santi misteri.

Buon cammino nella lode al Signore."

 

Don Giovanni Burdese - Responsabile Ufficio liturgico di Alba

 

 

"E’ con grande piacere ed onore che noi della Famija Albeisa rispondiamo alla Vs. gentile richiesta per la concessione del nostro patrocinio.

Patrocinio che si unisce a quello già presente dell’Ufficio Liturgico Diocesano, nel comune intento di collaborazione e crescita culturale delle corali presenti sul nostro territorio. Con l’augurio che la Vs. Associazione possa crescere ed ottenere gli ottimi risultati che Voi sicuramente saprete ottenere."

 

Antonio Tibaldi - Presidente Famija Albeisa